La cosa che ammiro di più, della cultura statunitense, è la capacità di trasformare e reinventare continuamente. Il baseball è una rielaborazione del cricket e del rounders. Non contenti di aver “inventato” il baseball e messo a punto le Official Rules, gli americani hanno poi elaborato il softball e dopo ancora il wiffleball ed altre varianti ancora (blitzball, beachball, 16inches ball, backyard baseball, eccetera). Tutto ruota attorno ai tre gesti atletici fondamentali: tirare, prendere e battere una palla. Il quarto gesto atletico è la corsa sulle basi. Il nucleo fondamentale del baseball è lì, in quei tre gesti atletici che hanno a che fare con la palla. Esistono infinite modalità di gioco ed infinite possibilità di adottare/adattare le regole e questo gli americani lo sanno bene e continuano a farlo. Tutto il resto, il tipo di palla, il tipo di mazza, le dimensioni del campo, cambiano per adattare a diversi contesti il gioco che è, in estrema sintesi, tirare, prendere e battere una palla.

 

Alessandro Calzati – presidente ASD Mestros Venezia Baseball